Terapie e approccio chirurgico ernia inguinale

Non esiste alcuna terapia medica per l'ernia inguinale. L'unico rimedio efficace per l'ernia inguinale è l'intervento chirurgico.

Le terapie non chirurgiche per l’ernia inguinale (es. cinti, compressioni, iniezioni sclerosanti) si dovrebbero assolutamente evitare.

Le tecniche operatorie: chirurgia su misura per l'ernia inguinale

L’approccio più adeguato alla patologia erniaria è un approccio eclettico, ossia che preveda la possibilità di dare al paziente il migliore tipo di intervento, ritagliato su misura per le sue caratteristiche; questo sia dal punto di vista del tipo di anestesia che dal punto di vista della tecnica chirurgica, del tipo di rete da usare ( se necerssaria) e del suo fissaggio e del tipo di ricovero: in sostanza una chirurgia su misura ("Tailored Surgery") .

E’ evidente che tale tipo di approccio debba essere eseguito da chirurghi specialisti , dediti alla chirurgia della parete addominale e in centri ( Hernia Center) che assicurino tutti i tipi di anestesia, di approccio tecnico e ogni tipo di ricovero.

In ogni caso di ernia inguinale strozzata, l'intervento chirurgico va praticato con tempestività, così si riesce a evitare danni irreversibili all'intestino risparmiando al paziente la più complessa procedura di resezione del tratto intestinale necrotico.

Posizionamento di rete per l'ernia inguinale

L'intervento per l'ernia inguinale primitiva in generale può prevedere l'uso di reti e/o protesi, fermo restando che non è sempre indispensabile. A volte infatti, è più opportuna una tecnica senza protesi.

Le reti (o protesi) per ernia possono essere di materiali diversi (sintetici, assorbibili o parzialmente assorbibili, biologici, completamente o parzialmente rimodellabili) e di fattura e peso differenti (macroporose o microporose, a basso peso, ad alto peso, più o meno rigide o morbide).

L'intervento con protesi che noi eseguiamo dal 1991 per le ernie inguinali primitive è una tecnica con rete (mesh) che viene preparata ad hoc per il singolo paziente: come già detto, una "Tailored Surgery", cioè una chirurgia su misura usando le differenti qualità, pesi, e forme delle reti, adattandole volta per volta al singolo caso.

L'intervento chirurgico per ernia inguinale

Le reti per ernia inguinale, quando necessario,  possono essere posizionate o tramite piccole incisioni addominali condotte nella stragrande maggioranza dei casi in anestesia locale (approccio mini-invasivo open con tecniche tensionfree e sutureless) oppure tramite interventi laparoscopici (mediante il posizionamento di tre sonde attraverso tre fori nell'addome) condotti in anestesia generale. La scelta tra i due tipi di intervento (laparoscopico in anestesia generale o mini-invasivo open in anestesia locale), dipende ancora una volta dalla valutazione del singolo caso (Tailored Surgery).

Utilizzo della colla di fibrina

Grazie ad uno studio scientifico internazionale da noi condotto (Rif.: Randomized, Controlled, Blinded Trial of Tisseel/Tissucol for Mesh Fixation in Patients Undergoing Lichtenstein Technique for Primary Inguinal Hernia Repair. Results of the TIMELI Trial
Annals of Surgery – Volume 255, Number 4, April 2012 (Article:SLA202688) abbiamo dimostrato che con una particolare tecnica con colla di fibrina, le reti non richiedono punti di sutura. Infatti, l’approccio da noi proposto, contempla l’utilizzo di una speciale colla (colla di fibrina) che garantisce la perfetta aderenza delle reti, senza il rischio di danneggiamento dei nervi della regione, con una riduzione del dolore post-operatorio.

Durata dell'intervento

L'operazione in ogni caso è semplice e sicura e dura circa 60 minuti, affidandosi ad un chirurgo specialista.

Se condotto in anestesia locale, il paziente non sente dolore durante l'intervento ma solo sensazioni lievi tattili.  Durante l'intervento il paziente potrà ascoltare musica, parlare con l'anestesista (sempre presente) e con l'equipe chirurgica o semplicemente riposare. In particolari casi di pazienti emotivi si ricorre ad una sedazione più o meno blanda.

Articoli correlati

L'ernia inguinale femminile: un problema di difficile diagnosi

L'ernia inguinale femminile: un problema di difficile diagnosi

Benchè l’ernia inguinale sia una patologia addominale molto diffusa, la diagnosi risulta essere ancora difficile in soggetti femminili.

Cinque domande sull'ernia inguinale

Intervista al Prof. Giampiero Campanelli che ci spiega in cinque domande tutto quello che dobbiamo sapere sull'ernia inguinale.

Dolore post-operatorio ernia inguinale: come evitarlo

Dolore post-operatorio ernia inguinale: come evitarlo

Il concetto di ernia inguinale senza dolore è ricollegabile sia alla condotta intraoperatoria sia al periodo postoperatorio immediato e a distanza.Infatti, il dolore post-operatorio è uno dei problemi principali della...

L'Ernia inguinale nei bambini: spesso è un problema congenito

L'Ernia inguinale nei bambini: spesso è un problema congenito

L’ernia inguinale nei bambini è un problema particolarmente frequente e, in tal caso si parla di ernia congenita, ossia presente sin dalla nascita, anche se può manifestarsi e rendersi visibile...

Questo sito utilizza i cookie per una migliore gestione della navigazione dell'utente. Per maggiori informazioni leggi l'Informativa estesa